Skerries 100, una Superbike Race in onore di Martin Finnegan

La Skerries 100 è una delle piccole National Road Races irlandesi che tanto fanno battere il cuore degli appassionati. Strade strette, a tratti incredibilmente strette, saliscendi, salti, rampini, il tutto contornato da campi, boschi e il mare d’Irlanda a fare da brillante sfondo. Una cittadina favolosa a pochi km a nord di Dublino, confinante con Lusk, paese natale del grande Martin Finnegan

Proprio quest’anno ricorre il decimo anniversario della morte dell’indimenticato “Flying Finn” (basta vedere qualche

Foto: Paul Woodlock

foto dei suoi salti nelle National road races per comprendere il perché di questo soprannome) e il Loughshinny Motorcycle Club ha deciso di onorarlo con l’introduzione di una Superbike Race a suo nome alla Skerries 100 del 7 e 8 luglio.

La gara, intitolata proprio Martin Finnegan Superbike Race, avrà il “prize money” più alto di qualsiasi altra National Road Race: con dei premi gara importanti si possono attirare più top riders, che a loro volta attireranno più spettatori, dando vita ad un grande evento che sarà il miglior modo per ricordare il ragazzone di Lusk. Elementare, poco poetico, ma reale.

Per raggiungere la cifra ideale di 10.000-15.000€, il Moto Club chiede quindi un aiuto ai fan, agli amici e ai vecchi sponsor di Martin Finnegan, uno dei più grandi motociclisti irlandesi di sempre: 43 Irish Road Races vinte, un primo posto al Manx GP Newcomer nel 2000, 6 Tourist Trophy disputati, il quarto posto al TT con l’italianissima MV Agusta nel 2007, fino al terribile incidente il 3 maggio 2008 alla Tandragee 100 durante la Supersport Race. Finnegan finì dritto alla Marlacoo Corner, dove oggi è stata eretta una croce in suo onore; l’inchiesta, terminata anni dopo, ha stabilito che si trattò di un problema ai freni a causa di un bullone allentato; ma Ryan Farquhar, che in gara si trovava esattamente dietro a Finnegan, sosterrà per sempre di aver visto la ruota posteriore ricoperta d’olio.

Al di là delle cause, Martin Finnegan scomparse alla piccola National nordirlandese a soli 28 anni, lasciando una moglie e una figlia, ma anche migliaia di appassionati che grazie alle sue prodezze, al suo stile di guida e alla sua spiccata personalità Martin aveva saputo conquistare nei suoi pochi anni di carriera motociclistica. Un decennio dopo, la sua terra lo ricorda con quello che, ci auguriamo, sarà un evento indimenticabile.

Con le parole chiave , , , , . Aggiungi ai preferiti : permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.