Ulster GP, Noel Johnston si dimette dall’organizzazione

Lo storico “Clerk of the Course” dell’Ulster GP, Noel Johnston, ha annunciato ieri le sue dimissioni dall’organizzazione della road race più veloce al mondo. 

Noel Johnston in griglia all’Ulster GP (foto: Chris Usal)

Chi è stato a Dundrod avrà quasi certamente assistito alle spettacolari partenze con tanto di musica adrenalinica sparata a tutto volume dagli altoparlanti: “Sandstorm” fa ormai da anni da cornice al via di ogni gara dell’Ulster GP, con Noel Johnston a dirigere le operazioni in prima fila, in griglia.

Personaggio simbolo dell’Ulster Grand Prix, il nordirlandese Johnston ha servito la sua gara di casa per quasi 20 anni, testimoniando record e fatalità, gioie e dolori. Di poche parole e sguardo severo, Noel ha contribuito indubbiamente a rendere l’Ulster GP la grandiosa road race conosciuta in tutto il mondo.

 

Le difficoltà economiche che la gara di Dundrod stava affrontando ormai da qualche tempo erano ben note a tutti. Ma dietro al buco di oltre 250.000£ c’è forse qualcos’altro. Qualcosa da cui Noel ha voluto prendere le distanze, rinunciando al suo amato e storico ruolo.

Ecco il suo comunicato:

“In seguito all’ultimo meeting del Dundrod & District Motorcycle Club, ho deciso di separarmi dal Club e dimettermi dal mio ruolo di direttore di gara dell’Ulster GP con effetto immediato. 

E’ con tristezza e dispiacere che annuncio questa decisione poiché l’Ulster GP è stato una parte significante della mia vita; ho ricoperto come volontario il ruolo di Clerk of the Course per 18 anni. 

E’ un grande colpo per me vedere l’evento a rischio e spero ancora vivamente che questa storica road race che molti amano possa essere salvaguardata. Credo fermamente che se ci saranno il giusto management e il giusto supporto l’Ulster potrà tornare; in tal caso, non escludo un mio futuro coinvolgimento.

Per il momento voglio ringraziare tutti i piloti, i team, i fornitori, gli sponsor e i partner con cui ho lavorato in questi anni; sono troppi da menzionare. Può essere un lavoro difficile, ma quando il risultato è una gara di prim’ordine e tutti tornano a casa sani e salvi, allora non c’è lavoro migliore al mondo”.

Al momento non è ancora stata annunciata l’ufficiale cancellazione dell’Ulster GP 2020, anche se un comunicato a riguardo sembra ormai inevitabile.

Con le parole chiave , , , , , , . Aggiungi ai preferiti : permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.