William Dunlop, separazione da TAS Racing

Arriva oggi la notizia ufficiale che conferma i rumors che circolavano da qualche tempo: William Dunlop si separa dal Team nordirlandese TAS Racing. 

image1

(foto: Kevin Clague)

Assieme dal 2014, il trentenne figlio di Robert e nipote di Joey Dunlop aveva recentemente intrapreso un importante cammino per arrivare a cogliere vittorie nelle “big bikes”, lui da sempre specialista delle medie e piccole cilindrate. Diverso tipo di allenamento, diversa mentalità, il tutto con il supporto di TAS.

E con la Superbike ci era riuscito lo scorso anno alla North West 200, dopo una battaglia serrata contro il fratello Michael, ma quest’anno le International Road Races si sono rivelate avare per lui. William ha comunque spopolato nelle Nationals Irlandesi, conquistando il titolo di campione classe Superbike.

Ora le strade del giovane nordirlandese e del team di Moneymore si separano amichevolmente, lasciando libera una delle due Tyco BMW (o forse due? Guy Martin rimarrà anche nel 2016?).

I progetti di William paiono ora incentrati sul fidato team di Chris Dowd, con la cui Yamaha (CD Racing) il maggiore dei fratelli Dunlop ha già affrontato la scorsa stagione nella categoria Supersport. William sarebbe alla guida di R1 e R6 del team di Randalstown, con la Superbike preparata dall’ex ingegnere del Mondiale Superbike Marcus Eschenbacher.

“Phillip e tutti i ragazzi in Tyco BMW sono sempre stati buoni con me, quindi innanzitutto vorrei ringraziarli per avermi fatto sentire il benvenuto. Mi sono divertito in questi due anni con la squadra. Voglio anche ringraziare Tyco, BMW Motorrad e Metzeler per il loro supporto, aiutandomi a conquistare il titolo Irish Superbike”, afferma William

Hector e Phillip Neill, padre e figlio boss TAS, annunciano l’amichevole separazione senza chiudere le porte a William in futuro.

Con le parole chiave , , , , , , . Aggiungi ai preferiti : permalink.

Una reazione a William Dunlop, separazione da TAS Racing

  1. Bernini Michele ha scritto:

    io, qualche dubbio che il team tas non sia piu’ la corazzata da guerra dei tempi di DJ, Archibald e Anstey, ce l’ho…….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.