Faugheen 50 – A Sheils il Grand Final, ottimo esordio per Cecconi

Anche quest’anno la piccola Faugheen 50 è stata archiviata, anche quest’anno “strappata con le unghie” alla cancellazione, avvenuta per ben 5 anni di fila fino al 2014. 

neil

Neil Kernohan alla Faugheen 50 (foto: Niamh Dunlea Photography)

Le difficoltà di John Walsh (pilota e organizzatore) e degli altri membri del club non sono state poche e la National Road Race nel sud dell’Irlanda è rimasta in forse fino a luglio, quando finalmente, dopo vari appelli, è arrivata qualche iscrizione in più che ha permesso di formare le griglie di partenza. Tra i big, solo William Dunlop ha risposto alla chiamata presentandosi a Faugheen. Non sono mancati poi gli irlandesi Derek Sheils, Derek McGee, Brian McCormack e, tra i newcomer, il nostro Dario Cecconi ha aggiunto una nuova road race al suo palmares.

Si parte sabato 15 agosto con mezza giornata di prove sullo stretto triangolo di 2,2 miglia della Faugheen 50. Il via poi alle prime gare, con il pubblico subito riscaldato dalla vittoria del pilota di casa Brian McCormack (Honda TAG Racing) nella Superbike Non Championship Race. Nonostante l’holeshot di McGee, McCormack prende la testa della corsa mantenendola fino al termine degli 8 giri e vincendo per soli 19 centesimi su Derek McGee; terzo posto per William Dunlop a 8 decimi, che segna il nuovo lap record su una Supersport in 1’16”172.

Nella giornata di sabato si corre anche la Senior Support Non Championship Race, interrotta al quinto degli otto giri previsti per la caduta di Brian Coomey (rider ok), assegnando la vittoria a Dean Campbell. Nono posto per Dario Cecconi, all’esordio a Faugheen con la sua Suzuki GSX-R600.

Domenica 16 agosto il paddock irlandese si sveglia con temperature basse e asfalto umido, ma la giornata di gare sarà impeccabile. Si parte con la Classic Race, dove la vittoria tra le 1000cc va al veterano Robert McCrum. E’ poi il turno delle moto moderne con la Open Race: William Dunlop non riesce a sfruttare una buona partenza dalla pole position con la sua Tyco BMW, sopraffatto dagli agguerriti McGee e McCormack. “Big Mac”, però, accusa problemi alla sua Honda ed è costretto al ritiro al sesto giro. Nel frattempo, al vertice, McGee non riesce a creare un gap con gli inseguitori e subisce l’attacco sia di William Dunlop che di Derek Sheils. William si porta in testa al terzo giro, ma viene a sua volta passato da Sheils al quinto. L’irlandese mantiene la testa della corsa fino al termine dell’ottavo passaggio e coglie l’ennesima vittoria National; a 0.2 secondi da Sheils troviamo Derek McGee, che si mette alle spalle William Dunlop, ancora una volta sul terzo gradino del podio.

dario

Dario Cecconi alla Faugheen 50 (Foto: Niamh Dunlea Photography)

Segue la Senior Support Race, condotta da Dean Campbell dal primo all’ultimo giro, salvo poi terminare sconsolato al quarto posto cedendo la vittoria a Steve Tobin. Migliora i suoi tempi Dario Cecconi, che coglie un ottimo 10° posto su questo circuito, a suo dire, molto divertente.

E’ poi la volta della classe mista 250/400cc, con la vittoria tra le cilindrate più piccole che va a Neil Kernohan (con un margine di ben 28 secondi su Paul Robinson), mentre tra le 400cc trionfa Seamus Elliott per ben 14 secondi sul ceco “Indi” Dokoupil.

La Junior Support vede una gran bagarre tra Brian Coomey e John Horgan, con il primo a vincere per 2.8 secondi. Segue finalmente l’attesa Supersport Race: William Dunlop è in pole con la Yamaha R6 Chris Dowd/Ivan Curran Racing, pronto a riscattarsi delle gare precedenti in questa sua categoria favorita. Ma al via è ancora McGee ad inserirsi in testa alla prima curva, tenendo Dunlop dietro di sè per tre giri. Al terzo passaggio, però, William si porta al comando riuscendo a mettere un margine di sicurezza tra sè e gli inseguitori e andando a vincere per oltre 3 secondi su Derek McGee e John Walsh.

Gli organizzatori della Faugheen 50 preparano poi un emozionante siparietto: direttamente dall’Europeo Rally, Craig Breen si esibisce in qualche giro del tracciato a bordo della Escort Mk2 portando con sé William Dunlop e Derek Sheils come copiloti!

Breen gira alla velocità delle 125cc, in griglia subito dopo, con la vittoria facile di Paul Jordan su Nigel Moore e Paul Robinson.

Penultima gara di giornata è la Supertwin Race, con il trionfo di Derek McGee per quasi 9 secondi su Paul Jordan e oltre 16 su Michal Dokoupil. McGee fa anche segnare il nuovo lap record di categoria in 1’21”302.

E’ poi il turno della main race, la gara conclusiva di questa Faugheen 2015. Al via, la bagarre al vertice è subito accesissima, con Derek Sheils e Derek McGee che creano subito un buon margine staccando McCormack, Walsh, Dunlop e Elliott. Solo al quinto passaggio William Dunlop riesce a inserirsi nella lotta per il podio con Brian McCormack, ma il local man non ci sta e sul traguardo confina la Tyco BMW al quarto posto finale. Vince quindi Derek Sheils, secondo posto per McGee e terzo, appunto, Brian McCormack.

Con una vittoria e quattro secondi posti, l’irlandese ex Wilson Craig racing Derek McGee viene dichiarato “Man of the Meeting” di questa ottima Faugheen 50, ricca di grandi bagarre e svoltasi senza intoppi: ci auguriamo che possa sopravvivere ancora a lungo con l’aiuto di pubblico, piloti e sponsor!

Risultati Faugheen 50 

Con le parole chiave , , , , , , , , , . Aggiungi ai preferiti : permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.